Da generazioni leader nel settore degli autoricambi a Taranto

Benvenuti sul nuovo blog di Ricambidauto, lo shopping online di Autoricambi Casale: Sconti ulteriori alla cassa per chi ritira presso le nostre sedi.

Accessori e Ricambi Auto per tutte le marche, in garanzia al miglior prezzo

Visita i nostri negozi online Ricambidauto.com offre una grande scelta di ricambi nuovi e scontati e Accessoridauto.com accessori per tutte le marche e i modelli di auto,

Quali gas si usano per il climatizzatore

Written by admin. Posted in Autoricambi Taranto

Con le nuove scoperte e nel rispetto delle moderne normative, stanno cambiando anche i gas dei circuiti di climatizzazione auto. Una volta si usava l’R134a, che avendo un indice Gwp (Global Warming Potential) di 1430 e vita media, in atmosfera, di 12 anni, aveva un pesante impatto sull’effetto serra. Quando una norma europea ha imposto l’utilizzo di refrigeranti con un Gwp minore o uguale a 150, il gas scelto dai costruttori automobilistici per la climatizzazione è stato l’R1234yf, che ha un indice Gwp molto più basso (4) e solo 11 giorni di vita nell’atmosfera. Molto meno inquinante, sì, ma è infiammabile. Dunque è fortemente sconsigliato il fai da te. Lascia fare solo a personale professionale appositamente formato e in possesso di specifico patentino per manovrare questi gas.

Controlla periodicamente l’impianto di climatizzazione

Written by admin. Posted in Autoricambi Taranto

Verificare se l’impianto di climatizzazione funziona è semplice: si accende l’auto e si attiva. Già dopo pochissimo si dovrebbe percepire un flusso d’aria fresca e asciutta dalle bocchette. Ma se ancora dopo cinque minuti non succede niente, può darsi che bisogna ricaricare il gas del compressore clima. L’apparato si basa sul flusso di speciali gas che scorrono all’interno di un circuito chiuso di tubazioni e veicolano il calore fuori dall’abitacolo. I circuiti sono a tenuta stagna, ma le inevitabili minuscole dispersioni riducono negli anni l’efficacia dell’impianto. È bene procedere puntualmente al controllo e alla ricarica nei centri specializzati indicati o dal concessionario, perché altrimenti la vettura userà molta più potenza del dovuto per tentare di rinfrescare l’abitacolo, con spreco inutile d’energia e aumento di consumi.